GAINN4MED

Il ruolo di Consorzio 906:
Segreteria di progetto e assistenza tecnica

Il progetto GAINN4MED, approvato dalla Commissione Europea nell’ambito del CEF (Connecting Europe Facility) Transport Call 2016 e coordinato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT), ha lo scopo di lanciare e testare la fase di sviluppo industriale della rete GNL nazionale nel periodo di start-up 2017-2020.

L'azione comprende lo sviluppo pilota in un contesto di vita reale di una rete di 6 stazioni di rifornimento GNC/GNL in Italia, lungo i corridoi Mediterraneo e Scan-Med, supportate da ISO-container, insieme a una flotta di partenza di veicoli commerciali pesanti (HDV) come equipaggiamento mobile, che assicurano un'efficace prova e avvio della rete stessa.

Obiettivi

  • Sviluppo di stazioni di rifornimento GNC/GNL nel territorio italiano
  • Implementazione di soluzioni innovative GNL per la supply chain
  • Sviluppo di condizioni adeguate allo formazione e allo sviluppo della tecnologia dei combustibili alternativi sostenibili
  • Adozione di GNL come combustibile alternativo

I numeri di GAINN4MED


6

stazioni di rifornimento realizzate

18

ISO-container criogenici multimodali come parte della nuova catena di supply chain

6

milioni di euro di contributo europeo

36

mesi di attività

    I partner di GAINN4MED

    Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, Consorzio 906, Dalla Bernardina, ECOS Distributori, Liquimet.

    Attività

    • 1. Realizzazione di 6 distributori stradali di GNC/GNL nelle aree di Verona, Prato, Nola, Bari, Messina e Cagliari
      2. Sviluppo della relativa catena logistica intermodale tramite la creazione di una supply chain di 18 ISO-container/tank criogenici multimodali e la realizzazione di zone di sicurezza per ISO-container criogenici in 3 terminali terrestri multimodali
      3. Sviluppo della domanda iniziale attraverso l’acquisto e l’allestimento di una flotta di veicoli pesanti alimentati a GNL
      4. Analisi e sperimentazione dell’utilizzo e diffusione del bio-GNL nel settore trasporti
      5. Formazione e training degli operatori di terra, con la creazione di una piattaforma ad hoc
      6. Elaborazione di un business plan nazionale ai fini dell’utilizzo su larga scala della tecnologia in uno scenario di medio e lungo periodo

      Condividi nei tuoi canali social

    Timing

    Mar 2017 - Mar 2020

    Budget

    € 12.155.000 costo totale
    € 6.077.500 contributo UE

    Il lancio e lo sviluppo pilota della rete GNL nazionale italiana nel periodo start-up 2017-2020

    Ultime news

    Al via la rete italiana del GNL, futuro del trasporto multimodale

    Al via la rete italiana del GNL, futuro del trasporto multimodale

    Consegnati a Pisa due serbatoi criogenici per la prima infrastruttura mobile dedicata al trasporto del gas naturale liquefatto nel Mar Mediterraneo...

    Leggi tutto