E-Impact

Il ruolo di Consorzio 906:
Assistenza tecnica

Il progetto “E-Impact” consiste nell'attuazione di un sistema di e-Freight (ossia di completa digitalizzazione dei documenti cartacei relativi alle spedizioni) e l’infrastruttura di e-Delivery in Italia, Polonia e Portogallo, lungo i tre corridoi TEN-T Atlantico, Mediterraneo e Baltico-Adriatico, con l'obiettivo di semplificare e ridurre il costo dello scambio di informazioni tra i diversi attori e le diverse modalità di trasporto lungo la catena logistica. Questo porterà a un trasporto merci più efficiente e meno
inquinante e faciliterà l'uso di soluzioni multimodali. L’iniziativa coinvolge i porti centrali di Trieste in Italia, Danzica, Gdynia, Szczecin e Świnoujście in Polonia, Leixões e Lisbona in Portogallo, e fornisce un kit di strumenti per l'adozione di e-Freight e una valutazione della fattibilità dell’e-Freight PPP, stimando i requisiti tecnici, finanziari e legali delle singole parti interessate, a livello di corridoio e attraverso i tre corridoi della rete.

Obiettivi

  • Migliorare l’efficienza, condividendo i dati di pianificazione ed esecuzione per sincronizzare il trasporto intermodale e ottimizzare il caricamento
  • Ridurre i costi, automatizzando lo scambio di dati tra i diversi sistemi delle parti interessate, comprese le dogane e le amministrazioni
  • Aumentare gli affari, massimizzando l'utilizzo delle infrastrutture, dei veicoli e delle risorse logistiche nei corridoi target

I numeri di E-Impact


3

Paesi europei coinvolti: Italia, Polonia e Portogallo

3

corridoi TEN-T oggetto dell’azione

4

business case concreti sviluppati

36

mesi di attività

    I partner di E-Impact

    Administração dos Portos do Douro, Leixões e Viana do Castelo, BCT Gdynia, DBA Lab, EMT – Europe Multipurpose Terminals, Insight8, Instytut Logistyki i Magazynowania, Link University Campus, Porto de Lisboa, Qumak, RAM – Rete Autostrade Mediterranee.

    Attività

      • Realizzazione di studi che valutano la fattibilità economica delle soluzioni di e-Freight sulle singole parti interessate, a livello di corridoio e tra i diversi corridoi della rete centrale
      • Predisposizione di linee guida e requisiti per la migrazione a e-Freight da sistemi e architetture attuali, condivisi e coerenti con le iniziative di e-Freight svolte a livello europeo
      • Sviluppo di 4 business case concreti con il coinvolgimento dei principali stakeholder coinvolti (spedizionieri, fornitori di servizi logistici ed autorità) che beneficeranno dell’implementazione delle politiche e-Freight
      Condividi nei tuoi canali social

    Timing

    Lug 2015 - Giu 2018

    Budget

    € 3.900.000 costo totale
    € 1.950.000 contributo UE

    L’attuazione di un sistema di e-Freight e di un’infrastruttura di e-Delivery in 3 Paesi europei

    Ultime news

    Al via la rete italiana del GNL, futuro del trasporto multimodale

    Al via la rete italiana del GNL, futuro del trasporto multimodale

    Consegnati a Pisa due serbatoi criogenici per la prima infrastruttura mobile dedicata al trasporto del gas naturale liquefatto nel Mar Mediterraneo...

    Leggi tutto